Archive for ‘HowTo’

settembre 30th, 2011

Tutorial: Presentazioni Prezi

by gabriella

Come sapete, con la versione free di Prezi si possono creare delle presentazioni molto più libere e creative di quanto di possa fare con Power Point (perlomeno con l’ultima versione, perchè anche Microsoft si sta aggiornando) perchè non ci sono limitazioni di slide. Con Prezi, infatti, si può andare avanti a scrivere e mostrare immagini e il programma, invece di mostrarci una una finestra, srotola un foglio infinito.

Adesso è disponibile anche un buon tutorial in italiano per imparare a usarlo.

Dopo averlo letto, entrate nel programma http://prezi.com/index/, registratevi (sign up now) e scegliete la versione free che vi permette di creare presentazioni online.

Tags: ,
settembre 29th, 2011

1. Saper leggere

by gabriella

Saper leggere, cioè decifrare le parole di un testo, non basta per leggere efficacemente. Il saper leggere presuppone infatti la comprensione di ciò che vi è scritto. Per comprendere un testo è essenziale saper leggere velocemente ricavando l’essenziale del messaggio. Più si legge, quindi, più si padroneggia la lettura.

Saper leggere è il primo approfondimento dedicato al saper-fare di base – segue riassumere; prendere appunti e memorizzare efficacemente le principali competenze che costituiscono il metodo di studio.

 

Prima regola: leggi in modo attivo

Non leggere mai automaticamente o pensando ad altro: é una perdita di tempo (allora, meglio una passeggiata); 

Non leggere mai senza matita (evita gli evidenziatori) per sottolineare ciò che ti sembra importante, annotare a margine, ecc.;

Cerca di “situare” il testo, cioè di capire il contesto in cui è stato scritto: non perderne mai di vista l’origine, la tipologia, la data di stesura, l’autore e ricorda che le parole non hanno sempre lo stesso senso e che i modi di pensare cambiano.

read more »

settembre 24th, 2011

Tutorial Grapholite: come costruire mappe concettuali online

by gabriella

GrapholiteHo realizzato questo tutorial per i miei studenti nel 2011, quando Grapholite era interamente free. L’anno scorso il software ha tolto alcune funzioni fondamentali, come il “salvataggio” e l’“esportazione” dalla versione gratuita (è il detestabile stile open source, di cui non si dirà mai abbastanza male), per cui o si continua ad usarlo completando il lavoro con uno screenshot finale, o si passa a Cmap. Personalmente, ho scelto la seconda.

Grapholite è un programma semplicissimo e gratuito che permette, previa registrazione, di creare mappe online, salvarle sul proprio pc ed esportarle nel formato preferito per rimetterle online (ad esempio per pubblicarle – facendo l’upload – nell’aula virtuale della propria classe). [Nell’aprile 2012, il software ha resto esportabili le mappe realizzate con Grapholite solo nella versione premium: suggerisco di continuare a usarelo ed esportarle “fotografandole” con uno strumento di cattura. Io faccio così].

Vediamo come fare.

1. Andare sul sito di Grapholite

2. Cliccate sulla freccia di Start Drawing

3. Registratevi (la prima volta) o eseguite il login (le successive) con il form che appare subito dopo.

4. A questo punto il programma vi propone l’upgrade alla versione premium, ignorate (sdegnosamente) e cliccate sulla scritta celeste a dx Continue with free access.

5. Compare l’area di lavoro di Grapholite

6.  Vediamola in dettaglio.

In alto vediamo la barra degli strumenti, in tutto simile a quella di Word (Office): usando i suoi comandi possiamo salvare la nostra mappa, copiare, incollare, giustificare il testo, colorare, scegliere lo stile del testo, portare in evidenza una parte del disegno o un’altra.

6.1 Al di sotto della barra degli strumenti c’è l’area dei template: i modelli che possiamo scegliere per creare la nostra mappa. A dx possiamo anche scegliere di disegnarla liberamente senza modello, trascinando nell’area di lavoro le forme che si trovano sulla sx. Scrolliamo i template. Nella seconda fila, dopo i primi tre, vediamo Mind Map (mappa concettuale): scegliamola.

6.2: Dopo a ver scelto Mind Map, l’area di lavoro apparirà così:

6.3 Ognuno di questi elementi colorati è modificabile cliccandolo. Iniziate da Main Idea (idea principale). Se dovete fare una mappa sul bullismo, fate doppio clic su Main idea e scriveteci sopra “Bullismo”: la scritta precedente si cancella e compare la vostra. Se una forma non vi piace, cambiatela facendo 2click sull’ovale (sul topic – che vuol dire argomento – colorato di viola, ad esempio) e premendo canc. Dove è rimasto lo spazio vuoto trascinate con il mouse una delle forme che vedete a dx (rettangoli, cerchi, ovali ecc.). Potete cambiare o modificare anche le linee di collegamento che legano un elemento della mappa all’altro.

7. Quando la vostra mappa è finita, cliccate sull’icona “salva” (in alto a sx, sulla barra degli strumenti). Compare un riquadro con su scritto in alto “Save file to server” (salva il file sul server) e in basso “File name:”. Scrivete nello spazio seguente il nome della vostra mappa e cliccate su “save” (salva).

8. Fate clic su “file” (in alto a sx, sulla barra degli strumenti). Appare un menu a tendina. Scegliete “Export” (esporta). Ora dovete scegliere il formato: Jpeg, png, pdf. Sono formati immagine, il terzo è leggibile con Acrobat (il lettore dei file con estensione .pdf, appunto). Per postarli nelle nostre aule virtuali vanno bene tutti e 3, ma preferite il pdf.

9. Se avete scelto di esportare la mappa in formato .pdf, il sistema vi chiederà di nominarla (di nuovo) e ve la salverà sulla cartella (desktop o altro) che indicherete.

FINE

Facile no?


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: