Province: chiuderemo le scuole

by gabriella

Gaetano Bucci ci aveva messi sull’avviso: il pareggio di bilancio è incostituzionale. La riduzione della spesa sta ridisegnando il patto sociale e il sistema dei diritti. Viene tagliata infatti la spesa “sociale”, TAV, ponte sullo stretto e F35 non sono invece in discussione. Per questo trovo il comportamento di Saitta l’unico “consono all’istituzione che rappresenta”.

Aggiornamento del 9 novembre: il giorno dopo la dichiarazione  di Saitta, il Tg2 delle 13 ne ridicolizza il coraggioso atto d’accusa, scatenando contro l’incauto la reazione della scuola pubblica. Va così in onda la triste pesca di presidi ed insegnanti che abboccano prontamente all’amo: “la scuola ha già pagato”, “che taglino piuttosto le auto blu”.

E’ battaglia tra governo e Province italiane. A dichiararla è l’appena nominato presidente dell’Upi, Antonio Saitta: “Le Province faranno ricorso ai Tar contro i tagli del governo”, ha annunciato. “E’ una decisione non più rinviabile: i 500 milioni di tagli imposti alle province con la spending review non sono sopportabili”. E a breve decideranno la chiusura dei riscaldamenti nelle scuole e il conseguente aumento delle vacanze per gli studenti.

E mentre per la nomina a presidente dell’Unione delle Province italiane sono arrivati i complimenti del ministro per la Pubblica amministrazione Filippo Patroni Griffi, e i suoi auguri ad avere un comportamento “più consono all’Istituzione che rappresenta”, Saitta ha invocato un’iniziativa comune per esortare gli amministratori delle Province ad “aprire uno scontro con gli organi dello Stato”, alzando i toni. “Chiediamo solo rispetto. Non siamo una lobby economica, siamo un pezzo elettivo dello Stato e chiediamo rispetto” [infatti, se foste una lobby economica lo avreste, NDR] ha replicato il neopresidente delle Province d’Italia rispondendo alle affermazioni del ministro della Pubblica amministrazione che questa mattina, intervenendo ad Agorà, su RaiTre aveva parlato di “abolizione totale delle province” ma “su revisione costituzionale e solo se se ne è convinti”.

Per Saitta ora si tratta di alzare la posta in gioco, come minacciare la chiusura dei riscaldamenti nelle scuole. “Il governo è ingrato e decisioni come queste debbono essere ben spiegate agli studenti e ai loro genitori” ha detto Saitta incassando gli applausi dei presidenti di Provincia. “Bisogna spiegare soprattutto che il governo non ha il coraggio di fare una spending review su se stesso e che, tra l’altro, siamo pronti anche – ha sottolineato – a interrompere i lavori di manutenzione nelle scuole [piove sul bagnato: unza scuola su due non é “a norma”, NDR]. E quando qualche procuratore della Repubblica, come accade nella provincia di Torino con il bravo Guariniello, ci dirà che i lavori debbono essere terminati, noi opporremo un netto rifiuto, visto che le risorse non ci sono più”.

Di questo “informeremo il Consiglio superiore della magistratura e al vicepresidente Michele Vietti chiederemo se dobbiamo rispettare i programmi per il controllo delle scuole o se invece dobbiamo dare retta ai tagli imposti dal governo con la spending review. Stessa richiesta – ha aggiunto – la faremo alla Corte dei Conti, anche relativamente ai numerosissimi decreti ingiuntivi che in questi giorni stanno arrivando agli Enti da parte delle imprese, che ammontano nel complesso a circa 2,8 miliardi di euro“. Altre azioni analoghe, ha annunciato il neopresidente dell’Upi, dovranno essere prese dal prossimo ufficio di presidenza dell’organizzazione per quanto riguarda l’espletamento di altri servizi, come ad esempio “i trasporti e i centri per l’impiego, che molto probabilmente verranno chiusi”.

Saitta ha anche detto di aver ricevuto dal ministro dell’Economia Vittorio Grilli la disponibilità a un incontro per questo pomeriggio (alle 16). “Porteremo le nostre ragioni al ministri e al termine dell’incontro prenderemo le decisioni necessarie”, ha spiegato, “contro i tagli decisi dal Governo che se ammontano a 500 milioni per il 2012, toccano i 1,2 miliardi di euro nel 2013”.

http://www.repubblica.it/scuola/2012/11/08/news/scuole_senza_riscaldamento-46172150/?rss


4 Comments to “Province: chiuderemo le scuole”

  1. Ciao Gabriella, t’invio qualche riflessione sull’istituzione Provincia

  2. Complimenti: per uno che si è alzato a dire che i tagli ai servizi sono un insulto alla cittadinanza, correte subito ad invocare le compatibilità di bilancio (xzykkdfgt: imprecazione in fascia protetta).

Leave a Reply


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: