Posts tagged ‘competitività’

maggio 28th, 2016

Alberto Bagnai, Che cos’è la produttività

by gabriella

Nel discorso di insediamento del nuovo presidente di Confindustria un’idea ingegneristica, semplice e intuitiva  (dunque inautentica), della produttività. Nell’articolo sottostante Bagnai mostra invece come la produttività non sia l’aumento di unità di prodotti per ora lavorata, ma una misura dipendente da variabili macroeconomiche.

Quale produttività?

Intanto vi ricordo che in economia il termine “produttività” ha tante accezioni, e che la produttività della quale si parla nel dibattito corrente è precisamente la produttività media del lavoro, definita come valore aggiunto per addetto, cioè:
L’idea è quella di misurare quale sia il “rendimento” medio, in termini di produzione, dell’input di lavoro, con l’idea di per sé condivisibile che più è e meglio è.

read more »

aprile 18th, 2012

Mario Pianta, Nove su dieci. Perché stiamo (quasi) tutti peggio di dieci anni fa

by gabriella
di Emilio Carnevali
Contro la stupidità anche gli dèi sono impotenti
John M. Keynes
Nella copiosa letteratura sulla crisi fiorita negli ultimi tempi il libro di Mario Pianta – “Nove su dieci. Perché stiamo (quasi) tutti peggio di 10 anni fa” – ha il merito di collocarsi su un angolo visuale di più ampio raggio: quali sono le cause profonde del declino italiano? Perché su di noi la crisi ha avuto conseguenze peggiori che negli altri paesi europei? Come uscirne?
La precipitosa caduta dai “cieli azzurri” berlusconiani della quale il nostro Paese è stato recentemente protagonista ha lasciato dietro di sé una scia. Le sue origini si perdono nella fantasmagoria del “nuovo miracolo italiano” promesso all’inizio del millennio dall’“imprenditore prestato alla politica” (ed evocato anche dall’allora governatore della Banca d’Italia Antonio Fazio). Il suo ultimo tratto, però, è ancora ben visibile ad occhio nudo e può essere a sua volta suddiviso in segmenti più piccoli, come gradini di una discesa sempre più rapida e rovinosa: dalla negazione più risoluta della crisi siamo passati all’ormai famoso «fattore psicologico» tirato in ballo per dare ragione della vendetta che l’economia reale si stava prendendo sugli slogan politico-pubblicitari. Quando poi non è stato più possibile negare l’evidenza è cominciato il mantra della crisi che c’è, «ma noi ce la stiamo cavando meglio di tutti gli altri»; oppure della crisi che c’è, «ma il governo ha risposto senza mettere le mani nelle tasche degli italiani».

read more »


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: