Posts tagged ‘protestanti’

marzo 27th, 2018

Lutero e la riforma protestante

by gabriella

Martin Luther (1483-1546)

Due millenni dopo i sofisti, la teologia protestante inizia l’opera di alfabetizzazione popolare, dei poveri e delle donne, attraverso una nuova teologia che indica nella lettura delle Sacre scritture la via per la salvezza dell’anima.

 

Indice

1. Lutero e la dissoluzione rinascimentale dell’ordine medievale
2. La protesta di Lutero e la teologia protestante

2.1 Le 95 tesi e la critica politica alla Chiesa
2.2 Dalla critica politica alla nuova teologia

3. Le conseguenze pedagogiche della riforma protestante
4. Gli sviluppi politici della riforma: i monarcomachi

read more »

agosto 31st, 2013

Marie Durand

by gabriella

marie-durandLa vicenda di Marie Durand sullo sfondo della rivolta dei Camisard.

Dopo la revoca dell’Editto di Nantes, nel 1685 (Editto di Fontainbleau), la libertà di coscienza e di culto è soppressa in Francia, il protestantesimo bandito. Inizia una campagna di evangelizzazione forzata e di durissima repressione rivolta soprattutto al sud del paese. Nelle Cevenne, contadini ed artigiani prendono le armi, alla loro testa Jean Cavalier e Pierre Laporte (detto Roland) hanno vent’anni: è la rivolta dei Camisard (1702-1705-9).

E’ in questo contesto che nasce Marie Durand (1711), la cui intera famiglia viene dispersa nella campagna antiprotestante: sua madre è arrestata quando lei ha quattro anni, il fratello impiccato, il padre muore in prigione. L’ugonotta entra diciottenne nella Torre di Costanza ad Aigues-Mortes (Camargue), dove per trentotto anni condivide una cella con altre venti (in alcuni momenti fino a cinquanta) donne.

IF

Resistez! 

 

incide sulla pietra.

E’ liberata il 14 aprile 1768, a cinquantasei anni, otto anni dopo muore nella casa paterna.

Aigues_Mortes

read more »

marzo 26th, 2013

Philip K. Dick

by gabriella

philip dick

Introduzione a Lessico dickiano di Antonio Caronia e Domenico Gallo.

Fascism is the enemy, wherever it appears.

Philip K. Dick, 1977

Solo chi è alla ricerca spasmodica di un senso e di un ordine può dare voce e respiro all’insensatezza e al disordine del mondo. Philip K. Dick cercò quest’ordine e questo senso lungo tutta la vita. Nel 1979 annotava nel suo interminabile diario notturno, l’Exegesis:

è evidente che all’epoca di The Dark-Haired Girl stavo disperatamente cercando un centro (omphalos) per la mia vita, ma non c’ero riuscito; ero ancora ‘apolide’. Adesso ho trovato l’autenticità – sein.

Si trattava ancora una volta di una situazione instabile. Dick non approdò mai davvero a una situazione di quiete interiore, né a un’ipotesi sul mondo che lo soddisfacesse appieno. Per questo fu capace di descrivere alcuni tra i più formidabili, strutturati, paranoici incubi di tutto il Novecento.

read more »


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: