Contro la pena di morte

by gabriella

In Iran, dove il principio della sanzione retributiva è sancito dalla sharia, i genitori di un ragazzo hanno salvato dalla forca l’assassino del loro figlio. Il macabro rituale iraniano prevede infatti che siano i parenti della vittima a stringere il cappio intorno al collo del colpevole e a dare il calcio alla sedia che lo sostiene. Sette anni fa Balal, vent’anni, aveva ucciso a coltellate Abdallah, ora sconterà una pena detentiva in carcere [tratto da un servizio di Repubblica].

Questo episodio mi ha fatto tornare in mente le parole di un padre di cui ho scordato il nome che, interrogato sulla pena che avrebbe voluto infliggere agli assassini di sua figlia, rispose di ritenere giusto che fosse lo stato a decidere, proprio perché in grado di trattenergli la mano e mettere la giustizia al posto della sua vendetta. Questi genitori iraniani hanno saputo oltrepassare persino il senso di giustizia e la sensibilità di quel padre.

Tutto è pronto per l'esecuzione

Tutto è pronto per l’esecuzione

La madre della vittima schiaffeggia l'assassino

La madre della vittima schiaffeggia l’assassino

Poi insieme al padre, scioglie il cappio dell'assassino

Poi insieme al padre, ne scioglie il cappio

https://medium.com/la-scuola-che-non-c%C3%A8/dialogo-sulla-pena-di-morte-1-48da06a2c085

 

https://medium.com/la-scuola-che-non-c%C3%A8/dialogo-sulla-pena-di-morte-1ad6e5834e71

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments to “Contro la pena di morte”

  1. questa sì, è una bella storia

  2. Si, lo penso anch’io.

Leave a Reply to gabriella


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: