Gianni Rodari, Il dromedario e il cammello

by gabriella

Una volta un dromedario, incontrando un cammello,
gli disse: – Ti compiango, carissimo fratello:
saresti un dromedario magnifico anche tu
se solo non avessi quella brutta gobba in più.

Il cammello gli rispose: – Mi hai rubato la parola.
È una sfortuna per te avere una gobba sola.
Ti manca poco ad essere un cammello perfetto:
con te la natura ha sbagliato per difetto.

La bizzarra querela durò tutto un mattino.
In un canto ad ascoltare stava un vecchio beduino
e tra sé intanto pensava: – Poveretti tutti e due,
ognuno trova belle soltanto le gobbe sue.
Così spesso ragiona al mondo tanta gente
che trova sbagliato ciò che è solo differente.

[Il secondo libro delle filastrocche, Einaudi, 1996]

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments to “Gianni Rodari, Il dromedario e il cammello”

  1. Interessante anche la versione musicale del quartetto Cetra, poi ripresa da Petra Magoni e Ferruccio Spinetti della canzone “Il cammello e il dromedario”

Leave a Reply to Cecilia


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: