Aid al Adha, la festa del sacrificio

by gabriella

Aid al-Adha, in arabo si scrive ‘عيد الأضحىا ‘ e si traduce con ‘Festa del Sacrificio’; è la festa che i musulmani celebrano ogni anno nel mese lunare di Dhu l-Hijja, il dodicesimo e ultimo mese lunare del calendario islamico.

In questo mese qui i musulmani compiono il loro celebre pellegrinaggio, chiamato ḥajj e che rappresenta il quinto pilastro dell’Islam (i cinque obblighi previsti dalla religione che includono la testimonianza di fede, la preghiera 5 volte al giorno, l’elemosina e il digiuno durante il ramadan), al ‘Masjid al-Ḥarām’ cioè la Grande Moschea della Mecca che è la più grande del mondo [Fanpage] [Attenzione: l’articolo incorpora un video Fanpage che si avvia automaticamente, disattivare l’audio alla scheda dal proprio browser o escluderlo manualmente nel video].

Secondo quanto tramandato dalla religione, Dio chiese ad Abramo di sacrificare il figlio Ismaele in suo onore. L’uomo accettò e mentre si accingeva a uccidere il figlio, un angelo lo fermò: questa fu la prova della totale fede di Abramo nei confronti di Dio e da quel giorno si festeggia appunto la ‘Festa del Sacrificio‘. Il rituale implica la recita del Takbīr (l’espressione che si traduce in ‘Dio è il più grande’) da parte di un uomo e il successivo sgozzamento di animali vivi, adulti e sani (che possono essere montoni, capre, pecore), secondo le linee guida previste dalla macellazione rituale ‘halāl’ (valida anche per gli ebrei) che, a differenza di quelle comunemente impiegate, non permettono lo stordimento (che non uccide l’animale, ma gli permette di non sentire dolore e non essere cosciente). Una volta morto dissanguato (come avviene anche per la macellazione non rituale) l’animale viene macellato e la carne viene divisa in tre parti: per la famiglia, per gli amici e per i poveri.

La Festa del Sacrificio non è solo pellegrinaggio e sgozzamenti, ma anche un periodo di preghiera intenso per i fedeli e un’occasione per scambiarsi doni e riunirsi in famiglia: un po’ come accade per i cristiani con la Pasqua quando, tra l’altro, per celebrare la resurrezione di Cristo, vengono uccisi gli agnelli. L’agnello pasquale, o sacrificale, rappresenta infatti Gesù che si è sacrificato per la salvezza degli esseri umani.

In queste ore nel nostro Paese i musulmani si preparano per questi cinque giorni di preghiera e per celebrare l’importante festività religiosa: le pratiche di sgozzamento senza stordimento in luoghi pubblici non coinvolgeranno il nostro Paese, in cui sono vietate per legge, se non in specifiche strutture, i macelli appunto, debitamente certificati e gestiti da personale qualificato e formato.

Non si sprecano però le condanne delle persone che si schierano contro il rituale del sacrificio che, pur non avendo fatto una scelta di vita ‘vegetariana’ o ‘vegana’, si sentono comunque in dovere di dimostrare il loro dissenso, magari mentre stanno infornando un arrosto, preparando il ragù o mangiando una bistecca al sangue: insomma, tutti animalisti con la religione degli altri.

continua su: http://www.fanpage.it/cos-e-eid-al-adha-la-festa-musulmana-del-sacrificio-degli-animali-in-onore-di-dio/
http://www.fanpage.it/

 

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: