La condizione giovanile. Esercitazione per la seconda prova

by gabriella

giovanilavoroCosì, a quanti riconoscono nei giovani i protagonisti di una “rivoluzione silenziosa” nella società, in termini di valori, di modelli culturali, di orientamenti, si contrappongono quanti considerano gli attuali giovani soggetti del “riflusso”, i nuovi indifferenti, come coloro che avrebbero sconfessato sia i valori tradizionali che quelli politici, senza essere in grado di proporne dei nuovi.

Così, mentre alcuni ritengono i giovani sradicati dai modelli culturali del passato o prevalenti tra gli adulti, “senza né padri né maestri”, altri non intravedono un mutamento generazionale di rilievo, e assimilano i problemi degli attuali giovani a quelli di precedenti generazioni giovanili, a quelli dei “padri”. Così, ancora, a quanti tratteggiano la condizione giovanile in termini di frammentarietà, di passività, di disimpegno, fanno da contrappeso quanti riconoscono ai giovani un elevato tasso di riflessività, una marcata consapevolezza circa le condizioni di vita, una progettualità finalizzata alla qualità della vita [F. Garelli, La generazione della vita quotidiana, Bologna, Il Mulino, 1985, 19].

Consegna

Esponi le tue riflessioni sull’argomento del testo, soffermandosi particolarmente sulla formazione di identità liquide e sulla condizione di precarietà che interessa particolarmente i giovani.

 

 Approfondisci poi le nozioni di:

– processo sociale;

– identità liquide.


Leave a Reply


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: