Lo spazio e tempo kantiani spiegati da Joe

by gabriella

Joe si è laureato in filosofia giusto venerdì scorso alla Federico II di Napoli. In questo video, dedicato all’Estetica trascendentale spiega come gli oggetti di cui facciamo esperienza si costituiscano per noi come “cose” attraverso spazio e tempo, forme pure della sensibilità, limitando la nostra conoscenza ai fenomeni. E’ proprio questo modo di “costituirsi” davanti a noi degli oggetti ad impedirci infatti di cogliere la realtà com’è in se stessa, nella sua realtà profonda (o verità).

Con Kant la modernità dichiara dunque inconoscibile la realtà noumenica per una soggettività che ha scoperto il proprio ruolo nella formazione del sapere e coglie ora l’impossibilità di oltrepassarlo. La conoscenza fenomenica, oggetto delle scienze, è invece assicurata dalla sua universalità o intersoggettività, cioè appunto, dal modo di funzionare della nostra sensibilità e dell’intelletto come spiegati nella Critica della ragion pura.


Leave a Reply


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: