Emanuele Severino, La filosofia nasce grande

by gabriella
nascita di Athena

Atena nasce già adulta e armata di tutto punto dalla testa del padre Zeus

Tratto da La filosofia antica, Milano, Rizzoli, 1984, pp. 17-19.

La filosofia nasce grande. I primi passi della sua storia non sono cioè l’incerto preambolo a un più maturo sviluppo del pensiero, ma stabiliscono i tratti fondamentali del suo intero decorso storico.

Per decine e decine di millenni, l’esistenza dell’uomo  – globalmente e in ogni suo singolo aspetto – è guidata dal mito. Il mito non intende essere un’invenzione fantastica, bensì la rivelazione del senso essenziale e complessivo del mondo. Anche nella lingua greca il significato più antico della parola mythos è “parola”, “sentenza”, “annunzio”; a volte mythos significa persino “la cosa stessa”, la “realtà”. Solo in modo derivato e più tardo, nella lingua greca mythos indica “leggenda” , la “favola”, il “mito”.

Ma il mito arcaico è sempre collegato al sacrificio, cioè all’atto col quale l’uomo si conquista il favore degli dèi e delle forze supreme che, secondo la rivelazione del mito, regnano nell’universo. Il sacrificio può essere cruento, oppure del tutto incruento, come nelle pratiche ascetiche dello Yoga; ma in ogni caso il suo intento è di identificarsi e di dominare ciò che nel  mito appare come la potenza suprema.

Per la prima volta nella storia dell’uomo, i primi pensatori greci escono dall’esistenza guidata del mito e la guardano in faccia. Nel loro sguardo c’è qualcosa di assolutamente nuovo. Appare cioè l’idea di un sapere che sia innegabile, e sia innegabile non perché le società e gli individui abbiano fede in esso, o vivano senza dubitare di esso, ma perché esso stesso è capace di respingere ogni suo avversario. L’idea di un sapere che non può essere negato né da uomini, né da dèi, né da mutamenti dei tempi e dei costumi. Un sapere assoluto, definitivo, incontrovertibile, necessario, indubitabile.

I primi pensatori hanno chiamato questo sapere con antiche parole della lingua greca […]. Queste parole sono sophìa, lógos, alétheia, epistéme. Se vogliamo tradurle esse corrispondono rispettivamente a “sapere”, “ragione”, “verità”, “scienza”. Ma queste parole ci dicono poco (o troppo) se non le poniamo in relazione a quel significato inaudito. Quanto falla parola philosofia che però compare nella lingua greca insieme a ciò di cui è il nome, essa significa, appunto, alla lettera, (philo-sophìa) “aver cura del sapere”. Se si accetta l’ipotesi che in sophós , “sapiente”, (su cui si contruisce il termine astratto sophìa), risuona, come nell’aggettivo saphés (“chiaro”, “manifesto”, “evidente”, “vero”), il senso di pháos, la “luce”, allora filosofia significa “aver cura per ciò che stando nella “luce (a di fuori cioè dell’oscurità in cui stanno invece le cose nascoste – e alétheia, verità, significa appunto, alla lettera il non essere nascosto) non può essere in alcun modo negato. “Filosofia” significa “l’aver cura della verità”, dunque – dando anche a quest’ultimo temine il significato inaudito di “assolutamente innegabile”.

I Greci evocano per primi il significato inaudito della verità. Ciò non vuol dire che essi si accontentino di contemplare questa idea senza preoccuparsi di stabilire quale sia la verità – quali tratti abbia il suo volto. […] Già all’inizio di questo cammino la filosofia vede che il mito non è verità innegabile (non è qualcosa di saphès, come dice Senofane, uno dei primi pensatori greci), ma è soltanto una leggenda in cui si crede. Poiché d’altra parte, la fede nel mito è la regola secondo la quale sono vissute tutte le civiltà precedenti (e la società stessa in cui la filosofia nasce), la critica filosofica del mito diventa inevitabilmente una critica della società.

Nel video seguente Severino parla della nascita della filosofia come consapevolezza dell’uomo di “andare nel nulla” e cercare rimedio a questa consapevolezza. Dopo i greci, si nasce e si muore in modo profondamente diverso da prima.


3 Responses to “Emanuele Severino, La filosofia nasce grande”

  1. >> Se si accetta l’ipotesi che in sophós , “sapiente”, (su cui si contruisce il termine astratto sophìa), risuona, come nell’aggettivo saphés (“chiaro”, “manifesto”, “evidente”, “vero”), il senso di pháos, la “luce”, allora filosofia significa “aver cura per ciò che stando nella “luce“ (a di fuori cioè dell’oscurità in cui stanno invece le cose nascoste – e alétheia, verità, significa appunto, alla lettera il non essere nascosto) non può essere in alcun modo negato. <<

    Sono parole che scuotono ed emozionano, ogni volta che le si legge. Severino è un grande.
    Ciò che si dà in sé è inattaccabile dalla miseria umana.

    Grazie… 🙂

  2. Trackbacks

Leave a Reply


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: