Francesco Suman, Teorie del complotto

by gabriella

Le teorie del complotto, proponendo versioni ipersemplificate della realtà sociale, presentano un’architettura esplicativa, finalistica e intenzionale, del tutto simile alla teoria dell’Intelligent Design che mirerebbe a spiegare la complessità del mondo naturale come prodotto di un agente superiore. La diffusione della disinformazione online è considerata una delle più serie minacce per la società odierna. Per questo i complottismi non vanno liquidati con quattro risate, ma colti per quello che sono: campanelli d’allarme. Tratto da La mela di Newton.

misinformation

Viviamo nell’era della condivisione dell’informazione: facebook, twitter, youtube, google plus, instagram, snapchat, sono alcuni dei più fruiti social media attraverso cui scorrono flussi rumorosi di informazioni di ogni tipo. Possiamo improvvisarci giornalisti filmando con lo smartphone un atto di vandalismo o le conseguenze di un’alluvione e caricarlo su youreporter per rendere testimone il mondo intero. Abbiamo un accesso potenzialmente illimitato e subitaneo a informazioni provenienti da ogni angolo del globo. Eppure, uno studio che ha fatto il giro del mondo, pubblicato sulla prestigiosa rivista PNAS da un gruppo di studiosi italiani che lavora al laboratorio di Computational Social Science dell’Istituto IMT Alti Studi di Lucca, diretto da Walter Quattrociocchi (The spreading of misinformation online), afferma che viviamo nell’era della disinformazione. Com’è possibile? È presto detto.

È noto che online girano tante bufale, informazioni non verificate e non filtrate che si diffondono in modo virale fino a costituirsi in leggende metropolitane o teorie del complotto. Si passa dai sempreverdi avvistamenti UFO alla presenza sulla terra di extraterrestri rettiliani, alcuni dei quali sarebbero persino piazzati in strategiche posizioni di potere. Lo sbarco sulla Luna? Mai avvenuto. Le scie chimiche lasciate dagli aerei in quelle giornate terse sono un lento strumento di avvelenamento della popolazione da parte di un potere occulto, ma c’è anche la variante secondo cui servirebbero a influenzare il cambiamento climatico. Altre teorie invece negano proprio il cambiamento climatico. Vi sono poi teorie di dominio economico che incolpano un occulto e settario potere bancario detentore delle sorti dell’ordine mondiale. È difficile essere precisi nella descrizione di queste teorie, perché l’oggetto in questione, per sua definizione e natura, è esso stesso sfuggente e non definito. Il lettore può dilettarsi nella libera esplorazione del web e cercare i dettagli delle suddette teorie, rimanendo perplesso o, perché no, persuaso, dai loro argomenti.

Baggianate da liquidare con quattro risate riterranno i più. Invece no. Il World Economic Forum nel 2013 ha incluso la diffusione di informazioni fasulle tra le più serie minacce per la società. Notizie e informazioni si accumulano in modo letteralmente incontrollabile nel web, proprio per la sua natura reticolare e partecipativa. Una voce corre online e può risuonare fino all’altra parte dell’oceano in men che non si dica. Internet ci ha restituito una sorta di versione tecnologicamente implementata di cultura orale, con fascino e rischi annessi. Informazioni caotiche, e fluttuanti in prima istanza, tendono prima o poi ad aggregarsi, catturate dalle scelte dei fruitori, arrivando a costruire cluster più o meno coerenti di notizie, che, per facilità di accesso, giocano un ruolo preminente nei processi di opinion making di oggi. Ma con quali criteri avvengono l’aggregazione dell’informazione online e conseguentemente la formazione di opinioni?

Lo studio di Quattrociocchi e colleghi mostra che il “pregiudizio di conferma” (confirmation bias) è tra i criteri decisionali fondamentali alla base di questi processiIn un contesto di flusso massivo di informazioni non filtrate, si tende a privilegiare (e a riconoscersi in) informazioni che confermano ciò che già si pensa. Se una persona ha fatto un investimento in banca – “Sicuro eh!”, gli era stato detto – ma vede la banca precipitare nel baratro portando con sé i suoi risparmi, e contemporaneamente legge online che le banche sono istituti il cui unico interesse è il profitto, non curanti dei servizi che dovrebbero garantire o delle sorti del malcapitato risparmiatore, c’è da aspettarsi che quest’ultimo manifesti la sua approvazione alla “teoria del signoraggio bancario” almeno con un “like”.

Il pregiudizio di conferma, esteso su larga scala, tende a creare le cosiddette echo chambers, ovvero luoghi virtuali di aggregazione in cui tutti i presenti tendono a pensarla allo stesso modo riguardo a uno specifico tema (sia questo la negazione del cambiamento climatico o dell’evoluzione darwiniana, le scie chimiche, o gli UFO). Chi entra in queste camere di risonanza lo fa perché sente che le proprie precostituite convinzioni, spesso istintive, grezze, di pancia, hanno finalmente voce. Il fatto è che da lì il pensiero tende a non venire elaborato ulteriormente, anzi, semmai l’intuizione ingenua, di pancia, si rinforza attorno a pochi punti dando luogo a proto-teorie o credenze a dire il vero alquanto bizzarre. Le teorie del complotto che proliferano online, oggetto di studio dell’articolo summenzionato, sarebbero precisamente il prodotto di tali meccanismi.

williamGibson

William Gibson

Cosa c’è che non va nelle teorie del complotto? Proviamo a dirla con William Gibson, il padre del genere letterario cyberpunk:

“Le teorie del complotto sono popolari perché, non importa di cosa trattino, sono tutte realtà confortevoli, perché sono tutte modelli di semplicità totale. Penso che facciano leva sul nostro lato infantile che vuole sempre sapere cosa sta accadendo” [tradotto da un’intervista rilasciata nel 2007].

Le teorie del complotto hanno così successo perché partono da fatti molto vicini alla vita quotidiana dei più e in pochi passaggi logici (o meno) giungono a individuare la causa ultima responsabile di quegli eventi; nel fare ciò, delineano una visione del mondo, che spesso identifica un nemico contro cui schierarsi. Strumenti psicologici basilari e efficacissimi per innescare meccanismi di identificazione e consenso, purtroppo all’opera anche in sistemi di reclutamento che costituiscono minacce ben più tangibili delle scie chimiche (si pensi al ruolo della rete nel reclutamento dei foreign fighters e nel processo di radicalizzazione islamica di giovani europei che in taluni casi non avevano avuto alcun contatto personale precedente con reclutatori  – un ottimo libro recente su questo è “L’ultima utopia” di Renzo Guolo, Guerini, 2015).

E’ interessante notare una similitudine tra la struttura esplicativa di queste “teorie” e l’argomento della complessità irriducibile portato dai sostenitori dell’Intelligent Design. Entrambi condividono una struttura esplicativa iper-semplificatoria.

Partiamo dal secondo. Alla sua base vi sta la tanto intuitiva quanto ingenua analogia tra complessità di artefatti umani, frutto dell’attività di un agente intenzionale dotato di scopi, e complessità di strutture naturali. Se troviamo un orologio di pregiata fattura, spiegava William Paley nella sua Teologia naturale del 1802, saremmo portati a credere che sia frutto del progetto e dell’azione intenzionale di un orologiaio; non attribuiremmo mai la complessa interazione degli ingranaggi dell’orologio al prodotto del puro caso. Così se lungo una spiaggia trovassimo il complesso disegno a spirale su di una conchiglia non potremmo fare altro che pensare all’azione di una mente suprema che ha progettato l’universo, la natura e i suoi prodotti. L’evoluzione esiste, ma non può che essere l’esito di un disegno intelligente.

Questo tipo di spiegazione è iper-semplificatoria perché salta dal prodotto finale alla causa ultima, ignorando un’infinità di passaggi intermedi: non prende in considerazione i tempi del processo evolutivo; non prende in considerazione le interazioni con altri soggetti del contesto (ecologico) entro cui l’evoluzione si compie; non prende in considerazione i meccanismi che possono condurre alla formazione del pattern osservato. In più, il ragionamento è uno dei più classici esempi di detestabile antropomorfismo (una forma di egocentrismo cosmico), ovvero l’attribuzione di proprietà umane, intenzionali, finalistiche, agenziali, a un’entità – la natura – che di umano non ha necessariamente niente.

Fortunatamente questi argomenti, nel dominio delle scienze biologiche, sono stati smontati (seppur non senza difficoltà, dacché sostenitori dell’Intelligent Designproliferano tutt’oggi in paesi avanzati che si dicono paladini di libertà e democrazia) dalla teoria dell’evoluzione neodarwiniana, oltre ogni ragionevole dubbio. Sfortunatamente, ad oggi, le scienze sociali non hanno ancora visto nascere il loro Charles Darwin, e venire a capo della complessità delle dinamiche sociali con un’unica elegante teoria esplicativa è un’impresa lungi dall’avere un traguardo in vista.

Avremmo proprio bisogno di una sorta di “teoria della società” che mostrasse come il salto esplicativo da evento singolo (come la perdita dei propri risparmi per colpa di un agente bancario truffaldino) alla sua causa ultima (complotto globale del signoraggio bancario), proposto dalle teorie del complotto, sia logicamente del tutto ingiustificabile, in quanto un super-agente che agisca in maniera intenzionale e che disponga del controllo di tutti i livelli di complessità dei nodi della rete sociale, e che per di più sia in grado di tenere nascosti i propri piani, pur riuscendo a metterli sistematicamente in atto, assomiglia molto a qualcosa che potremmo definire Social Intelligent Design.

popper

Karl Popper si pronuncia così nel secondo volume de La Società aperta e i suoi nemici:

“Bisogna riconoscere che la struttura del nostro ambiente sociale è, in un certo senso, fatta dall’uomo: che le sue istituzioni e tradizioni non sono il lavoro né di Dio né della natura, ma i risultati di azioni e decisioni umane, ed alterabili da azioni e decisioni umane. Ma ciò non significa che esse siano tutte coscientemente progettate e spiegabili in termini di bisogni, speranze e moventi. Al contrario, anche quelle che sorgono come risultato di azioni umane coscienti e intenzionali sono, di regola, i sottoprodotti indiretti, inintenzionali e spesso non voluti di tali azioni. (…) Io non intendo affermare, con questo, che cospirazioni non avvengano mai. Al contrario, esse sono tipici fenomeni sociali. (…) Cospirazioni avvengono, bisogna ammetterlo. Ma il fatto notevole che, nonostante la loro presenza, smentisce la teoria della cospirazione, è che poche di queste cospirazioni alla fine hanno successo. I cospiratori raramente riescono ad attuare la loro cospirazione”.

machiavelli

Nei Discorsi sulla prima Deca di Tito Livio, Machiavelli ha descritto per primo la fenomenologia della congiura. La prima caratteristica è la segretezza

Cosa intende qui Karl Popper ce lo spiega oggi David Robert Grimes, un fisico dell’università di Oxford, che ha mostrato con una formula pubblicata in un articolo apparso su PLOS ONE (http://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0147905), che le grandi cospirazioni non possono restare segrete troppo a lungo: questo tipo di macchinazioni necessariamente coinvolge un numero di “complici” elevato al punto che la probabilità che uno di questi non faccia un passo falso, facendosi scoprire, è troppo bassa per far sì che la cospirazione si realizzi.

L’intenzionalità dell’azione umana ha un raggio d’azione limitato. La libertà individuale finisce dove comincia quella degli altri, ma si potrebbe dire anche che l’intenzionalità di un’azione finisce quando si incontra con l’intenzionalità degli altri. All’interno della rete sociale, l’intenzionalità individuale si diluisce, e un soggetto super partes capace di direzionare un’amplissima moltitudine di intenzionalità singole, per di più in maniera occulta, semplicemente non può esistere. L’azione collettiva è un risultato non intenzionale di interazioni intenzionali a livello individuale.

Nonostante tutto questo, le teorie del complotto persistono e anzi, come mostrato da Quattrociocchi e colleghi, più ci si sforza di smontarle (facendo azione di debunking) più i loro sostenitori si chiudono a guscio all’interno delle loro camere di risonanza, attaccandosi alle loro convinzioni.

Ricercare le cause di un evento traumatico (la perdita dei risparmi, o la paura derivante da un percepito stato di instabilità) è infatti un meccanismo di elaborazione fondamentale che si innesta per affrontare il superamento del trauma. Le risposte cui si giunge sono però spesso più autoconsolatorie che veramente conformi alla realtà delle cose. Come venire a capo allora di questo enorme fenomeno psicodrammatico-sociale nel villaggio globale?

Le soluzioni immediate sembrano non esserci. Siamo destinati ad andare incontro a un mondo in cui vige l’anarchia intellettuale, ovvero in cui non abbiamo modo di discriminare tra diversi sistemi di credenze, all’interno della medesima società e del medesimo intorno culturale? È davvero equivalente credere che i vaccini facciano venire l’autismo oppure essere convinti che vaccinarsi sia l’unico metodo sicuro per prevenire la diffusione di gravi malattie infettive?

Karl Popper, assieme a molti altri filosofi della scienza, dedicò gran parte della sua vita a ragionare intorno al cosiddetto Principio di Demarcazione, ovvero sviluppare un criterio secondo cui distinguere rigorosamente una proposizione scientifica da una proposizione pseudo-scientifica o metafisica. Spesso ai filosofi viene rimproverato che il loro lavoro non ha ricadute applicative sulla società. Sarebbe interessante e proficuo se i filosofi riuscissero a sviluppare (se mai fosse possibile) un Principio di Demarcazione che ci aiutasse a saggiare la qualità dell’informazione, a distinguere cosa può essere ritenuto informazione affidabile, verificata, filtrata e cosa informazione inaffidabile, spazzatura, infondata. Il ramo della filosofia dell’informazione – un’interessante intersezione tra filosofia della scienza e etica, di cui si occupa Luciano Floridi, docente di Oxford e membro dell’“Ethics Advisory Group on the ethical dimensions of data protection” – potrebbe essere un buon candidato a studiare soluzioni a riguardo.

AppleMark

Marshall McLuhan (1911 – 1980)

Applicando poi il noto slogan di Marshall McLuhan “il medium è il messaggio”, dovremmo forse incolpare direttamente internet per la scarsa qualità delle informazioni che produce? Certo la struttura degli strumenti di diffusione dell’informazione influenza di molto la ricettività delle informazioni stesse, ma addossare la colpa a internet e demonizzarlo, come molti già fanno, sarebbe un po’ come incolpare il motore a scoppio per il tasso di inquinamento delle nostre città, invece di prendersela con la gestione miope delle giunte comunali. Internet è una tecnologia dalle potenzialità rivoluzionarie e ciò che aiuterebbe sarebbe una maggiore educazione all’uso di questo strumento straordinario: viviamo in un’epoca in cui metà della popolazione (quella vecchia) è analfabeta digitale e l’altra metà (quella giovane) soffre di bulimia digitale. Anche in un mondo futuristico, i vecchi rimedi (istruzione, ricerca, innovazione) non sono mai da buttare.

Infine, una riflessione in parte politica. La classe dirigente e quella intellettuale troppo spesso si misurano con i cosiddetti “complottisti” con una detestabile, e invero poco intelligente, supponenza, liquidandoli per lo più come gli ultimi difensori dell’ancien régime trattavano la plebe ignorante. Le teorie del complotto sono una manifestazione di un’inquietudine e un malcontento della società troppo profondi per essere archiviati con quattro risate. Questo disagio, che si manifesta in espressioni ingenue, paranoiche, o addirittura patetiche (dal complotto rettiliano all’ordine mondiale in mano a una sorta di Spectre), sta in realtà per qualcos’altro, di molto più grave, che riflette una realtà di fatto alla base delle più grosse questioni globali degli anni a venire: l’allargamento della forbice della disuguaglianza. Le teorie del complotto altro non sono che elaborazioni collettive, immaginifiche e fantasiose, che riflettono la struttura bipolare del sistema economico odierno, che ha portato a concentrare enormi capitali, di denaro e di potere, in mano a pochi, lasciando un sempre più alto numero di persone a farsi la guerra per le briciole. Questa distribuzione purtroppo si rivela valida sia a livello nazionale sia a livello globale. Esistono colossi aziendali (settori energetico, informatico, della grande distribuzione) che hanno fatturati di gran lunga superiori a PIL di Stati nazionali e non riconoscere che questi possono trattare alla pari, se non dall’alto in basso, almeno con i piccoli Stati è ingenuo quanto credere alle teorie del complotto. Queste ultime lanciano un’indiretta ma fortissima critica a un modello di sistema economico che genera storture, accusandolo di essere lontano dagli interessi dei molti e vicino agli interessi di pochi.

Le teorie del complotto rappresentano una sorta di bestemmia contro ciò che viene avvertito come un potere lontano e dispotico, un impotente e frustrato grido di ribellione contro un ordine odiosamente immutabile, che schiaccia. Le teorie del complotto sono il prodotto grezzo di un incontro inedito: un sentimento collettivo di frustrazione implementato da una nuova tecnologia, la rete. Forse non sono tra le più eleganti espressioni di critica ai sistemi totalitari come possono essere stati 1984 di Orwell o The Wall dei Pink Floyd (che difficilmente liquideremmo come opere di complottisti), ma sono comunque una nuova forma di espressione, a tratti addirittura inconsapevole, in quanto frutto di un’azione collettiva non del tutto intenzionale, di forte critica al potere costituito e al sistema economico ad esso intrecciato.

In questo senso le teorie del complotto dovrebbero essere un campanello d’allarme capace di sollevare una questione politica. Sempre che vi sia una classe politica, dirigente e intellettuale capace di cogliere i segnali d’allarme. L’attenzione su questi temi deve crescere e non è un caso che il premio Nobel per l’economia 2015 sia stato assegnato allo scozzese Angus Deaton per i suoi studi sui consumi, sulla povertà e sul welfare.

Charles Darwin

Charles Darwin (1809 – 1882)

In conclusione, le iper-semplificazioni sono ciò di cui occorre diffidare, sempre. La realtà è complessa ad un livello inavvicinabile anche dalle più audaci fantasie. Per questo non c’è nulla di più affascinante da indagare che le trame della realtà stessa, senza cedere a scorciatoie esplicative che ci priverebbero di quel gusto unico e irrinunciabile di scoprire le cose. Diceva Charles Darwin, nell’Origine delle specie (p. 241, edizione Bollati Boringhieri):

“è indispensabile che la ragione vinca; ma io ho sentito troppo acutamente queste difficoltà per essere sorpreso dell’altrui esitazione”.

 

 


2 Comments to “Francesco Suman, Teorie del complotto”

  1. Ciao Mauro, e grazie per questo commento, profondo e utile come sempre.

    Hai ragione nel notare che non bisogna sovrapporre complottismo e lobbying, ma l’articolo in fondo non lo nega perché mi pare che Suman voglia evidenziare semplicemente che i cambiamenti sociali non sono il prodotto di decisioni individuali o di gruppo, quando l’esito di interazioni più complesse.

    Il senso è che benché il neoliberismo (la globalizzazione, il semplice liberalismo ..) siano chiara espressione degli interessi di un gruppo, il loro successo non si spiega (come osservi giustamente) senza plotoni di filosofi, economisti, giornalisti, letterati, cineasti, imprenditori ecc., che creano il contesto dei decisori. Spesso questi soggetti esprimono un’acuta consapevolezza del loro ruolo e del loro potere, ma crederli “motore della storia” mi sembra, in effetti, una concessione eccessiva.

    Anche per quanto riguarda Davos e meeting analoghi (ricorre, tra l’altro, il quindicesimo anniversario della morte di Carlo Giuliani), i nostri amici non devono porsi nemmeno il problema del contrasto dell’informazione: manovrano già con successo spirale del silenzio e agenda setting, Penso che saranno decisamente spiazzati quando dovranno misurarsi di nuovo con l’eruzione della vecchia talpa.

    Buone passeggiate, un abbraccio

  2. Buongiorno Gabriella.
    Non sono sicuro di apprezzare l’articolo, anche se ovviamente alcuni dei problemi sollevati sono innegabili.
    L’autore ha ovviamente buon gioco quando parla di scie chimiche e rettiliani, ma lascia intendere di annoverare fra i complottisti anche chi attribuisce l’involuzione sociale e democratica di questi ultimi quarant’anni (neo-liberismo fondamentalista, globalizzazione, TTIP, nuovo ordine mondiale…) a un preciso disegno generale perseguito dai ceti politico-finanziari dominanti.
    In questo modo opera la stessa “iper-semplificazione della realtà sociale” che rimprovera ai complottisti.
    Per sviluppare un disegno del genere non occorre una “spectre” coordinatrice ma un insieme nemmeno troppo ampio di soggetti con interessi convergenti, sufficientemente potente da condizionare gli indirizzi politici, attraverso il reclutamento (consapevole o meno) dei ceti immediatamente sottostanti e il controllo dell’informazione, così da indurre a un consenso generalizzato sull’inevitabilità di determinate soluzioni (TINA).
    In questo caso l’azione collettiva “È un risultato INTENZIONALE di interazioni intenzionali a livello individuale”.
    Mi pare evidente che tali soggetti esistono, basta dare una scorsa alle ultime indagini OXFAM sulla distribuzione della ricchezza.
    Che le grandi cospirazioni non possano restare segrete troppo a lungo è probabilmente vero, ma è anche vero che una volta denunciate esse possono continuare ad esplicare i loro effetti grazie alla riduzione macchiettistica della denuncia stessa a complottismo.
    Significativo poi che l’autore citi il World Economic Forum, che “include la diffusione di informazioni fasulle tra le più serie minacce per la società”. Sono sicuro che i personaggi che si riuniscono a Davos definiscono “informazione fasulla” ogni notizia che sia in conflitto con la rappresentazione di realtà globale loro confacente.
    L’implicita autorevolezza che l’autore attribuisce a questo presa di posizione legittima il sospetto che gli sia fra i più o meno consapevoli reclutati di cui parlavo prima. Tanto per restare in ambito complottista 🙂

Leave a Reply


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: