Métro parisien, Le regole del buon viaggiatore

by gabriella

La RATP, rete parigina dei trasporti pubblici, ha promosso sul proprio sito un dibattito tra gli utenti per la codifica del perfetto comportamento del viaggiatore urbano. L’iniziativa di RATP è partita dalla constatazione che ciò che si intende per «buona condotta» varia secondo le culture e le epoche, di qui la necessità di tastare il polso dell’aspettativa comportamentale (maggiormente) condivisa dell’utente di métro.

Il comitato di lettura ha così raccolto oltre duemila messaggi, a volte ironici o impertinenti, che hanno tratteggiato un manuale di savoir vivre piuttosto vintage, per constatazione dell’azienda stessa.

Alla fermata, sui binari

Regola n. 1: Essere cortesi

Essere cortesi oggi sui mezzi pubblici, significa comprendere che l’enorme sigaretta barrata sui binari non è un’opera d’arte contemporanea, ma un divieto di fumo.

 

règle 1

Regola 2: Essere servizievoli

Significa proporre il proprio aiuto alla persona in bermuda che ha in mano la carta del métro e tiene l’altra tra i capelli [se vi trovate in Place de la République provate: lo fanno davvero, anche se solo dai 40 anni in su].

Règle 2

Regola 3: Educazione

Significa non rendere insopportabile il proprio cellulare.

Règle 3

Regola 4: Gentilezza

Vuol dire tenere la porta d’uscita al passeggero che segue. Mai perdere l’occasione nella vita di incrociare un bello sguardo.

Règle 4

Regola 6: Essere servizievoli

Significa prendere la borsa di una anziana signora (mi è successo più di una volta, sic!) e restituirgliela in cima alle scale con un sorriso.

regle 6

 A bordo

 

Regola 8: Gentilezza

Salutare l’autista, soprattutto se è un uomo o una donna

regle 8

Regola 9: Cortesia

Non fissare con insistenza una passeggera anche se ha lo sguardo assassino.

Regola 9

Regola 10: Cortesia

Non sfidare a duello il paggessero che vi schiaccia un piede per disattenzione.

regola 10


Leave a Reply


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: