Posts tagged ‘Memorie di Adriano’

Ottobre 17th, 2012

Marguerite Yourcenar, Tellus stabilita

by gabriella

Nelle pagine che seguono, tra le più belle di Memorie di Adriano [un romanzo storico, non la biografia di Adriano] l’imperatore riflette sulla nuova realtà di Roma, ormai lontana dai tempi dei re pastori, della Repubblica, dei Cesari, ed avviata alla piena maturità. Leggere le pp. 106-07 come introduzione e soffemarsi particolarmente sul testo a partire da Humanitas, Felicitas, Libertas (fine p. 107). Nelle pagine seguenti, Adriano sviluppa le sue considerazioni sulla giustizia e sulle leggi (pp. 108-09), a p. 110 descrive il tentativo di assassinio subito per mano di uno schiavo spagnolo e riflette sulla schiavitù. A seguire, sulla condizione della donna e sui ricchi.

read more »

Luglio 10th, 2011

Memorie di Adriano sull’appartenenza, la scuola, i libri

by gabriella

Il volto dell’imperatore Adriano ornato della barba da greco con cui la storia lo ricorda. Tratto da M. Yourcenar, Memorie di Adriano, Torino, Einaudi, 2002, pp. 32

La convenzione ufficiale vuole che un imperatore romano sia nato a Roma, ma io sono nato a Italica; a quel paese arido e tuttavia fertile ho sovrapposto in seguito tante regioni del mondo. La convenzione ha del buono: dimostra che le decisioni dello spirito e della volontà hanno la meglio sulle circostanze. Il vero luogo natio è quello dove per la prima volta si è posato uno sguardo consapevole su se stessi: la mia prima patria sono stati i libri.

In minor misura le scuole. Quelle di Spagna risentivano dell’ozio della provincia. La scuola di Terenzio Scauro, a Roma, faceva conoscere mediocremente filosofi e poeti, ma preparava abbastanza bene alle vicissitudini della vita: i maestri esercitavano sugli allievi una tirannia che io arrossirei di imporre agli uomini; ciascuno nei limiti angusti del proprio sapere, disprezzava i colleghi, i quali possedevano, con identica ristrettezza, nozioni diverse. Quei pedanti si facevano rauchi a furia di vane logomachie.  Conflitti di precedenze, intrighi e calunnie m’hanno abituato a ciò che in seguito avrei incontrato in tutti gli ambienti nei quali ho vissuto; vi si aggiungeva la brutalità dell’infanzia.

Purtuttavia ho voluto bene ad alcuni dei miei maestri, mi sono stati cari quei rapporti stranamente intimi e stranamente evasivi che si stabiliscono tra insegnante e alunno, e le Sirene che cantano in fondo a una voce chioccia quando vi rivela per la prima volta un capolavoro o vi palesa un’idea nuova: il più grande seduttore, in fin dei conti, non è Alcibiade, è Socrate.

I metodi dei grammatici e dei retori, forse sono meno assurdi di quel che mi apparissero allorché vi ero sottoposto. La grammatica, con quella mescolanza di regole logiche e di usi arbitrari, fa pregustare ai giovani quel che gli offriranno in seguito le dottrine riguardanti la condotta umana, il diritto o la morale, tutti sistemi nei quali l’uomo ha codificato la sua esperienza istintiva.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: