Francesco Cecchini, Ascari e massacri fascisti in Eritrea

by gabriella

Eritrea, l’altopiano e Asmara la capitale, la Dankalia, vulcani e un lago di sale, una costa di centinaia di chilometri lungo il Mar Rosso, Massaua, porto tropicale di fronte alle isole Dahalak. Nell’immaginario di molti italiani, non solo di quei pochi, ancora in vita, che hanno perduto un’esistenza di privilegi, questa terra era una volta l’Eritrea Felix. Se nelle vicine Libia ed Etiopia i colonialisti ed i fascisti avevano stuprato, torturato ed ucciso, qui si erano comportati bene, portando civiltà e benessere anche per gli eritrei.

Ma  è  una falsità storica che la nostalgia per il paradiso perduto alimenta. I bianchi hanno costruito  per loro stessi. Le infrastrutture, strade, ponti, ferrovie, fabbriche ed aziende agricole sono state costruite e formate per  il proprio sviluppo economico e  benessere. Hanno edificato ville ed alberghi dove vivere con privilegi, chiese dove pregare il proprio dio, bar, ristoranti e bordelli  dove divertirsi.  Non sono stati regali di civiltà al popolo eritreo. La missione dei coloni non è stata quella  di migliorare le condizioni di vita degli indigeni. Eritrea felix per il bianco, Eritrea infelice per il popolo eritreo, una razza integrata al progetto coloniale come razza inferiore con funzioni subordinate e servili. La ferrovia Asmara-Massaua, i ponti, le architetture di Asmara ed altro, esistono ancora e sono utilizzati, ma non sono un regalo, bensì un bottino di guerra del popolo eritreo, che ha conquistato con l’indipendenza le opere degli italiani.

Oltre a migliaia di morti, il colonialismo ed il fascismo furono responsabili  in Eritrea di razzismo e sfruttamento, di crimini sessuali e di uno spietato sistema carcerario.

Un genocidio africano

Il numero di morti eritrei  dal 1890 al 1941 fu alto, anche se di molto inferiore a quello dei  libici e degli etiopi. Per dare un’idea del genocidio africano di cui l’Italia coloniale e fascista è responsabile, le perdite etiopi nella guerra del 1935 e 1936 furono 760.000, secondo il numero fornito dal Negus alla Società delle Nazioni. Un numero forse non esatto, ma che dà la dimensione del massacro. In Etiopia a questo numero immenso, vanno aggiunte le perdite della prima guerra italo-etiope, 1895 – 1896, e dopo le stragi di bambini, donne e uomini dopo l’ attentato a Graziani nel 1937, il massacro di Amazegna Wagni, nel 1939 ed i morti della seconda guerra mondiale in Africa Orientale.

Gli eritrei che hanno pagato il prezzo di sangue più alto furono i soldati dell’esercito coloniale, gli ascari. Le stime dei morti, però, sono molto vaghe. Per i soldati italiani morti in terrra d’Africa la  contabilità è precisa, mentre i soldati eritrei sono carne da macello e qualche migliaio in più o in meno ha poca importanza.

Circa 2000 furono gli ascari morti nella prima guerra italo etiopica, tra il dicembre  del 1895 e l’ ottobre del 1896. Nella seconda guerra italo-etiopica, 1935-1936, gli ascari morti sono da 3.500 a 4.500.  Contro gli inglesi, i morti eritrei si stimano essere 10.000, solo 3.700 nella battaglia di Gondar nel 1941. Queste morti di soldati di un popolo dominato, arruolati, con la costrizione o con il miraggio di sfuggire alla fame, per combattere sotto la bandiera del dominatore devono essere addebitate al colonialismo ed al fascismo italiano.

 

Razzismo

Anche negli anni precedenti l’arrivo di Mussolini, la politica coloniale italiana in Eritrea fu razzista e discriminatoria. Un solo esempio: la trasformazione di Asmara da Arbate Asmara, alcuni villaggi con al centro delle chiese copte, le cui radici erano millenarie alla città coloniale segregata. Quando il generale Baldissera nel 1989 si avventurò fuori di Massaua ed arrivò ad Asmara, occupò la più alta collina che guardava l’altipiano, costringendo il villaggio di Beit Mekae ed i suoi abitanti ad andarsene. La collina fu recintata, da qui il nome di Campo Cintato, e divenne il nucleo iniziale della città coloniale, il cui accesso fu sempre proibito agli eritrei. La principale preoccupazione era la difesa da una possibile ribellione della popolazione indigena. Il primo governatore civile, Ferdinando Martini fece preparare il primo piano regolatore di Asmara nel 1902 principalmente concentrando gli sforzi sul miglioramento delle condizioni igieniche di Campo Cintato, area bianca esclusiva. Nel giro di pochi anni vennero elaborati altri tre piani urbanistici, con lo scopo di definire la forma urbis della città coloniale. Il piano del 1908 defini 4 quartieri. Il primo fu un’area solo per europei, principalmente italiano, il secondo con al centro il mercato per bianchi fu misto ebrei, greci, commercianti arabi ed anche eritrei, il terzo attorno alla chiesa ortodossa Enda Mariam, il quarto fu un area destinata agli insediamenti artigianali od industriali. Lo scopo del piano del 1908 fu di migliorare le condizioni dei quartieri per italiani e di confinare gli eritrei al nord della città o nella zona industriale. Gli eritrei che avevano proprietà nel centro della città furono costretti a vendere o svendere la propria terra e ad andarsene. Quello del 1913 fu solo un perfezionamento dei due precedenti. La segregazione razziale nella programmazione della forma urbis di Asmara non fu il mero punto di vista di architetti ed urbanisti di cultura razzista, ma la cosciente politica del governo coloniale di istituzionalizzare la discriminazione. I neri eritrei non avevano i diritti dei bianchi italiani, furono integrati al progetto coloniale come classe inferiore con funzioni subalterne e servili.

Durante il periodo fascista la segregazione razziale si approfondì, da pratica diventò legge e si arrivò ad  un vero proprio apartheid sudafricano con regole scritte molto rigide, che ribadirono usi e costumi precedenti. Le scuole restavano separate così le chiese, gli ospedali ed i trasporti. Il Campo Cintato ed quartieri europei erano proibiti ai neri che implicitamente non potevano frequentare i ristoranti ed i bar dei bianchi. Gli eritrei non potevano comprare moda europea, vestiti, camice e scarpe.  Era loro vietato esercitare certe occupazioni.

La “Legge Organica per l’ Eritrea e la Somalia” del 1933, a cui seguirono decreti applicativi, prevedeva la necessità di procedere a un’analisi antropologica etnica finalizzata all’accertamento della razza al fine di definire degli standard limitativi per la concessione della cittadinanza a figli di coppie miste. Autorizzava discriminazioni basate su caratteristiche fisiche.  Nell’estate del 1935 Mussolini iniziò a formulare  con più chiarezza le sue idee razziste chiedendo al Ministero un piano d’azione per evitare una generazione di mulatti, che culminò con la legge del 1937 Provvedimenti per i rapporti fra nazionali ed indigeni o Provvedimenti per l’integrità della razza.  Lo scopo  era quello di combattere i matrimoni misti, di evitare  che sangue bianco e nero si mescolassero. Con la fondazione dell’Impero la discriminazione razziale fa un balzo in avanti diventando legge dello stato. Nel 1938 l’Italia, sola fra i paesi dell’Europa, trasforma la discriminazione razziale da pratica a legge. La colonia Eritrea diviene il primo laboratorio di sperimentazione delle leggi  razziali che nel 1938 saranno estese a colpire gli ebrei in tutto l’Impero.

Gli stessi ascari, che la propaganda dice di ben ricompensare per la loro fedeltà e coraggio non sono esenti da umiliazioni razziste. La separazione dai soldati italiani è assoluta. Vengono fatti marciare a piedi nudi, le scarpe vengono date solo agli italiani. Mentre i soldati bianchi bevono dai bicchieri, loro bevono da recipienti di metallo.  Le punizioni per infrazioni non sono le stesse dei soldati italiani, ma secondo i reati ricevono da 20 a 70 frustate. La pena viene sempre inflitta da un altro ascaro, ma questa, nell’intenzione dei colonialisti fascisti che hanno redatto i regolamenti è un’ulteriore umiliazione. La frusta è fatta di pelle di ippopotamo, il famoso curbash,  e lascia segni permanenti.

Crimini sessuali

Un episodio agli inizi dell’ avventura coloniale in Eritrea è emblematico di futuri cinquant’anni di violenze e soprusi sulle donne di quel paese. Dopo l’occupazione  di Asmara, il Generale Baldissera, su richiesta scritta dei suoi ufficiali, estrasse a sorte le cinque vedove del Kantibal Aman, morto in carcere,  da assegnare ad altrettanti gentiluomini per soddisfarne i bisogni sessuali. Siamo nel  1889 ed è il debutto, o quasi, di una lunga storia di molestie, stupri, atti di pedofilia, pornografia, di crimini sessuali.

Come scrivono Campassi e Sega nel loro libro Uomo bianco e donna nera:

La donna nera diventa il simbolo dell’Africa… ed il rapporto uomo bianco – donna nera è simbolico del rapporto nazione imperialista coloni..

storia delle donne eritreeLa donna eritrea diventa quindi il simbolo di un’azione colonizzatrice dove l’uomo bianco europeo la domina sia per la razza che per il  genere. La donna nera assieme alla terra e alle ricchezze naturali è parte del bottino, il bianco ne può disporre come vuole. Nel corso dei 50 anni di possedimento cambia il rapporto tra Italia e l’ Eritrea, prima una colonia poi parte dell’Impero. Cambia anche la rappresentazione della donna, che fu funzionale alle  differenti fasi. Nella prima fase lo sfruttamento sessuale delle eritree fu non solo giustificato e tollerato ma promosso per attrarre maschi, scapoli e sposati, a venire a lavorare ed abitare questa terra. Anche per gli stupri o altre forme di molestia sessuale venne chiuso un occhio. Le innumerevoli fotografie scattate contribuiscono a far capire che significato la donna nera avesse nella cultura razzista e sessista degli italiani. Le donne sono il soggetto più fotografato dai colonizzatori in genere sono nude ed in pose invitanti e costituirono un vasto mercato di immagini pornografiche sia nella colonia che in patria. Una promozione della merce donna nera, beneficio per chi vive in colonia.

Anche quello che potrebbe significare il rovesciamento di questa situazione, la legge del 1937 con le sanzioni per i rapporti di tipo coniugale fra cittadini italiani e sudditi neri, mette solo legame tra politiche razziali del colonialismo fascista e ruolo della donna indigena.

Secondo i fascisti, l’eritrea nera era fatta per lo sfogo sessuale, l’italiana bianca era per l’amore, per formare una famiglia. Negli anni dell’Impero al fine di limitare il numero dei meticci se non di eliminarlo, si proibirono canzoni come Faccetta Nera e si propagandò un’immagine ributtante della  nera.

Paolo Monelli nell’articolo Mogli e buoi dei paesi tuoi, pubblicato nella Gazzetta del popolo del 13 Giugno del 1936, descrive con ribrezzo la donna africana

Fatima

Fatima

… sempre fetide di burro che cola a goccioline sul collo; sfatte a vent’anni; per secolare servaggio fatte fredde ed inerti tra le braccia dell’uomo; e per una bella dal viso nobile e composto, cento ce ne sono dagli occhi cipriosi, dai tratti duri e maschili, dalla pelle butterata… Le parole faccetta nera sono peggio che idiote. Sono indice di una mentalità che vorremmo trapassata.

Lidio Cipriani in un articolo: «L’ incrocio con gli africani è un attentato contro la civiltà europea» apparso su “La difesa della razza” del giugno 1938 così si esprime:

Nella razza negra, l’inferiorità mentale della donna confina spesso con una vera e propria deficienza; anzi almeno in Africa certi contegni femminili vengono a perdere molto dell’umano, per portarsi assai prossimi a quegli degli animali.

La donna eritrea venne  presentata quindi come un animale, da  trattare come tale, a cui poter fare di tutto, ma non per convivere o sposare e fare dei figli.

Numerosi furono  anche gli atti di pedofilia. Nei casi più eclatanti i responsabili furono rimpatriati, ma in genere ci fu tolleranza: la pedofilia non genera i meticci che il regime fascista diventato Impero vuole limitare se non eliminare.  Il caso più famoso, perché il protagonista divenne famoso, è quello di Indro Montanelli che comprò per 500 lire, in cambio di compagnia sessuale, una bambina eritrea di dodici anni, Fatima. Considerando ciò che scriveva sugli eritrei in Civilta Fascista del gennaio 1936:

Non si sarà mai dei dominatori, se non avremmo la coscienza esatta di una nostra fatale superiorità. Con i negri non si fraternizza, non si può, non si deve…

possiamo immaginare quale fu la natura del rapporto tra il giovane Montanelli e la bambina Fatima.

Nocra, un lager africano

Colonialismo prima e fascismo poi crearono in Eritrea un sistema carcerario spietato. I campi di lavoro e di internamento furono molti, Assab, Massaua, Asmara, Cheren , Addi Ugri, Addi Caleh. Tra questi spicca   il famigerato campo di concentramento di Nocra nell’omonima isola dell’ arcipelago Dakhlat, uno dei meno conosciuti orrori del dominio italiano in Africa.

L’isola, fu scelta perché i 55 km. di distanza dalla costa rendevano impossibile la fuga. Vi fu nel marzo 1893 il solo tentativo di fuga di massa, ma i fuggitivi furono catturati e passati per le armi. Il campo fu costituto da un fabbricato di mattoni per le guardie e 200 tra tucul e tende per i prigionieri.

Un paradiso tropicale nel Mar Rosso che si trasformò in un inferno lungo cinquant’anni: caldo e umidità provocavano una sete che la poca acqua salmastra proveniente da un pozzo aumentava. Oltre che con la sete la morte arrivava con la fame, erano concessi pochi grammi al giorno, e non tutti i giorni di farina, tè e zucchero, con le malattie, malaria, scorbuto e dissenteria e con la fatica. In queste condizioni i prigionieri erano costretti a lavori forzati in una cava di pietra.  Si sa che il numero di prigionieri arrivò a 1000 e la media fu 500, ma non esiste una contabilità di quanti morirono.

Un capitano della marina militare che la visitò nel 1901 la descrisse così:

I detenuti, coperti di piaghe e d’insetti, muoiono lentamente di fame, scorbuto e di altre malattie. Non un medico per curarli, 30 centesimi per il loro sostentamento, inscheletriti, luridi, in gran parte hanno perduto l’uso delle gambe ridotti come sono a vivere costantemente sul tavolato alto un metro dal suolo.  

La realtà che trovarono gli inglesi dopo quarant’anni quando la liberarono nel 1941,  non fu  molto diversa.

Nocra fu per le crudeli condizioni di prigionia un vero e proprio campo di sterminio, una Auschwitz tropicale.

Resistenza al fascismo

Negli anni della dominazione italiana, dal 1890 al 1941, non vi fu in Eritrea un movimento di opposizione e di resistenza al colonialismo ed al facismo della forza  e determinazione di quello libico od etiope.  Non vi fu un Omar Muktar eritreo a capo di un movimento di ribellione e resistenza. Ma il popolo eritreo non fu una docile massa alla mercé del colonialismo fascista. Razzismo, discriminazione, sfruttamento sessuale diventarono terreno di coltura di sentimenti anticoloniali e nazionalistii che furono al la base del movimento di liberazione che lottò per l’indipendenza.

Coloro poi che organizzarono ed eseguirono, assieme ad altri l’attentato a Graziani, ad Adis Abeba furono due intellettuali eritrei, Abrahm Debocth e Mogus Asghedom. Il 13 febbraio del 1937, in occasione di una cerimonia, improvvisamente lanciarono contro il palco 8 o 9 bombe a mano, uccidendo 4 fascisti italiani, tre etiopi e ferendo una cinquantina di presenti, tra cui gravemente, Graziani, colpito da 350 schegge. La macchina che accompagnava Graziani all’ospedale fu anche investita da una raffica di mitra. Lo stesso Graziani descrisse in dettaglio l’evento e riconobbe che «nulla era stato trascurato; una preparazione da fare invidia ai più raffinati terroristi». I giovani resistenti eritrei, Abrahm e Mogus, non riuscirono nell’intento di eliminare fisicamente Rodolfo Graziani [che morì nel suo letto nel 1955 e a cui nel 2010 è stato addirittura dedicato un sacrario, NDR].

 

Crimini di guerra italiani


3 Comments to “Francesco Cecchini, Ascari e massacri fascisti in Eritrea”

  1. bella storia mi spieghi il signor cecchini come mai con tutte le stragi che hanno compuito gli italiani ,,gli eritrei tuttora ci rispettano e ricordano ancora con piacere la presenza italiana ante guerra ..se come dice il signor cecchini se noi in eritrea ci mettessimo piede dovremmo essere come minimo scannati e appesi a un palo .,,,cosa che nn mi risulta visto la comunità italiana residente in eritrea ,,ma dalle mie informazioni qualche italiano ha intenzione di cambiare patria ,,,,da quella italiana a quella eritrea ,per finire siamo più benvoluti degli inglesi, americani e cinesi,,,,,dunque

    • Capisco, ma il suo è un argomento che spiega poco. Se i popoli leggessero lucidamente gli eventi, se non ci fosse bisogno di analisi e studi per capirli, se la propaganda non avesse corso e se gli eredi degli uomini di ieri fossero sempre chiamati a pagare per quanto commesso, non avremmo neanche in Italia un benevolente ricordo per il fascismo. La memoria si spegne senza intelligenza dei fatti, per questo è necessario conoscere.

Leave a Reply


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: