Waiting for Superman, la deriva della scuola americana

by gabriella

E’ già un caso la pellicola diretta da Guggenheim sul sistema educativo Usa. Al centro, l’implacabile e assurda lotteria per accedere all’istruzione di qualità. Solo gli straricchi possono permettersi buone scuole. Un atto d’accusa contro elementari, medie e licei, agli ultimi posti nelle classifiche dei paesi industrializzati

di FEDERICO RAMPINI

NEW YORK “Papà, la lotteria non è quella cosa dove non vince quasi nessuno?” Daisy ha 12 anni, vive a Los Angeles, la sua domanda è angosciosa. Una bambina non può capire che l’iscrizione a scuola è una vera lotteria dove quasi tutti perdono.

Perde anche lei, alla fine. La scena dell’estrazione a sorte, l’assurda lotteria della speranza, apre e chiude il documentario Waiting for Superman. Un film-verità sulla débâcle del sistema scolastico nella nazione più ricca del pianeta. Un terribile atto d’accusa che sta lacerando l’America: elogiato da Barack Obama in tv, criticato da molti commentatori liberal, compreso il New York Times.
Lo ha realizzato Davis Guggenheim, il regista di Una scomoda verità che nel 2006 costrinse l’America a interrogarsi sul cambiamento climatico, vinse due Oscar, valse il Nobel ad Al Gore. Ha fatto centro un’altra volta: il Washington Post prevede che “questo film avrà un impatto almeno eguale al documentario sull’ambiente, a pochi giorni dalla sua uscita sugli schermi è già chiaro che sarà al centro del dibattito nazionale almeno per due anni”.

La maggioranza delle scuole statali in America sono delle fabbriche di analfabeti, i risultati in termini di apprendimento sono disastrosi e per di più prevedibilissimi visto che si ripetono da un anno all’altro. I dati possono sembrare incredibili per chi ancora ha una certa immagine dell’America. Il film li martella senza pietà, ricorrendo ai cartoni animati per associare numeri e immagini: “Fra i 30 paesi più sviluppati l’America figura al 25esimo posto nell’apprendimento scolastico della matematica, al 21esimo nelle scienze. Il 69% dei suoi alunni di terza media non sa leggere e scrivere in modo adeguato. Il 68% è insufficiente in matematica. In California (cioè lo Stato più ricco degli Usa) il 20% dei liceali lascia la scuola senza neppure ottenere il diploma di maturità. La percentuale di abbandono scolastico prima della maturità sale al 26% tra gli ispanici, al 35% fra i neri”.

Solo gli straricchi hanno una via di fuga nelle scuole private di élite: così costose (fino a 30.000 dollari di retta annua) da essere inavvicinabili perfino per il ceto medioalto. L’altra speranza è iscrivere i figli a una delle rare scuole pubbliche di qualità, dai risultati accademici comprovati negli anni. C’è chi trasloca apposta, sobbarcandosi il costo di acquisto di una nuova casa, pur di abitare in un quartiere “celebre” perché ha una scuola statale buona. Ma questi istituti sono rari e sommersi dalle domande d’iscrizione. Ecco dove scatta la lotteria. In cerca di un criterio equo e imparziale, le buone scuole sono costrette a estrarre a sorte i nomi dei pochi privilegiati. Meno del 10% ce la farà.

Una terribile roulette russa, che Waiting for Superman descrive minuto per minuto, seguendo le storie di cinque bambini a New York, Washington, Los Angeles. Gli esclusi finiranno condannati su un binario morto, in un sistema di serie B dove accumuleranno lacune, brutti voti, ritardi di conoscenze. Al momento dell’ingresso all’università – se nutrono quell’aspirazione – saranno scartati dalle severe eliminatorie del numero chiuso. “Se manchi l’occasione giusta sei già condannato dall’età di sei anni, sarai un fallito per sempre”, è una delle constatazioni feroci del film. In un’altra scena angosciosa un nero che oggi è diventato uno dei riformatori del sistema scolastico passa in auto davanti a un supercarcere e commenta: “La maggior parte dei miei compagni di scuola sono finiti là dentro. È una soluzione costosa: il contribuente paga fino a 30.000 dollari l’anno per ogni carcerato. Se avessero avuto una scuola decente, l’America avrebbe speso di meno”.

La realtà dipinta in Waiting for Superman” non riguarda solo le minoranze etniche e i poveri. Tutt’altro. Una delle ragazze, di cui il film segue la storia, appartiene a una famiglia agiata della Silicon Valley californiana. Anche lei costretta alla lotteria, per fuggire dalla “scuola designata” e scadentissima del suo quartiere. “La maggioranza dei nostri ragazzi ha un destino segnato dal codice postale”, è il commento amaro: a seconda del tuo luogo di residenza ti tocca una certa scuola statale.
Com’è possibile che l’America sia precipitata così in basso? Il primo allarme sul declino della sua scuola pubblica risale al 1955, il best-seller Why Johnny Can’t Read (perché Johnny non sa leggere) denunciò la condizione di “un dodicenne esposto agli effetti di una normale scuola americana“. Da allora ogni presidente si è cimentato con qualche riforma, e il documentario gioca sulle immagini d’archivio per ricordare le promesse mancate di Nixon, Carter, Reagan, Clinton. Al punto che gli americani sembrano davvero “aspettare Superman”, perché risolva questa crisi. I cui effetti sono stati mascherati a lungo dall’eccellenza delle grandi università. Soprattutto negli studi post-laurea, l’università Usa resta la migliore del mondo e questo le consente di attirare i cervelli asiatici ed europei.

“Entro il 2020 – avverte il film – l’economia americana dovrà riempire 123 milioni di posti di lavoro ad alta qualificazione. Ma ci saranno meno di 50 milioni di americani con l’istruzione adeguata”. Finora quel divario è stato riempito importando informatici indiani, ingegneri cinesi, medici vietnamiti o italiani. Quanto può durare? E che fine faranno “gli scarti” che non hanno la formazione giusta? Che funzione sociale ha un sistema scolastico dove, “se entri in prima elementare con delle difficoltà a leggere, hai la quasi-certezza di conservare quel ritardo per tutta la tua carriera scolastica?”
Nel documentario di Guggenheim ci sono gli eroi positivi. Geoffrey Canada è l’insegnante nero che ha creato la Harlem Children Zone per offrire scuole di eccellenza nel quartiere storicamente degradato di New York. Michelle Rhee è la soprintendente alle scuole di Washington, che osa sfidare il potente sindacato degli insegnanti per introdurre gli aumenti di merito e il licenziamento dei prof più incapaci o assenteisti. La Rhee è di origine cinese, e i sistemi asiatici sono la “frusta” per spronare l’America a risvegliarsi dal suo torpore.

Là dove lo Stato non ce la fa intervengono i filantropi privati: il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, segue l’esempio di Bill Gates e dona 100 milioni alle scuole degradate del New Jersey. Ma il messaggio del film è doloroso, controverso. Il New York Times denuncia “l’accanimento contro gli insegnanti”. Il sindaco di Washington è stato sconfitto e Michelle Rhee perderà il suo posto, malgrado l’appoggio personale di Obama che con il suo programma “Race to the Top” ha introdotto più flessibilità e meritocrazia nel sistema statale. “Il ceto medio americano – osserva l’esperta di pedagogia Judith Warner – non ama sentirsi dire che manda i figli in una scuola da Terzo mondo”. È un’altra verità scomoda che molti preferiscono ignorare. Meglio aspettare Superman.


Leave a Reply


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: